This is the blog for Franko B's sculpture class at Accademia di Belle Arti di Macerata, Italy.

Follow by Email

apertura dell' laboratorio di scultura.



ciao a tutti , come state ? spero bene , cosa state faccendo? oggi ho parlato per via dell telefono da londra ad anna [ la nostra diretrice della schuola ] e gli ho chiesto se si puo' trovare una solutione per avere il laboratorio aperto , lei pensa or gli diccono che questo problema non esiste cioe' che che non ci sono problemi lei dice che c'e walter 2 giorni , poi c'e un altro poff al mercoledi ed il prof dell marmo il giovedi ed venerdi ... se questo non e' correcto per favore scrivete una lettera insieme tutti voi alla directrice anna [ NO alla Rizzo ] e firmatela tutti chiedendo una solutione a questo problema , che ' e un problema visto che fa parte della dittatica mia che voi avete l'uso dell work shop 5 giorni della settimana , perche ' il laboratorio e' anche un posto di scambio ed incontro con anltri e altre idee ed piu' tempo c'e per questo meglio e' NO?
fattemi sapere , a presto
franko

Fw: forse le cose si stanno calmando.

questa e' la risposta della dott. Rizzo

Egregio prof. Bosisio,
benchè le Sue intenzioni siano più che buone non possiamo aspettare la fine
della Sua carriera e, a tal proposito, spero che sia più lunga della mia, ma
essendo l'immobile non di nostra proprietà e nè pagando un fitto, non
possiamo fare come se fosse casa nostra! Cortesemente, faccia ripristinare
l'aula così com'era, ossia di colore giallo chiaro (il medesimo colore).
Spero che mi capisca nelle mie intenzioni.
Grazie, Vera Risso

ettra tra me e la dott, Rizzo reguardando il laboratorio dipinto bianco

Egregio prof. Bosisio,
in data odierna ho fatto un sopralluogo nell'Istituto di Scultura dipinto di bianco anzichè giallo. Interrogati i ragazzi presenti (con precisione erano due ragazze) mi hanno riferito che Lei ha dato il permesso di farlo.
Lei a chi ha chiesto il permesso?
Attendendo una risposta, le porgo
Distinti saluti, il direttore amm.vo, dr.ssa Vera Risso.

e questa e' la mia risposta,


Gentile dottoressa Risso,
non avuto nessuna autorizzazione per tinteggiare l'aula laboratorio di scultura,volevo solo comunicarle che la mia decisione e' stata presa solo per uso didattico al fine di dare agli studenti un ambiente nuovo e asettico,
a mio avviso migliore per lavorare.le volevo gentilmente comunicare che alla fine della mia carica provvedero' personalmente a far ritornare il laboratorio come era prima che effettuassi la tinteggiartura.

24/03/2009 in fede franco bosiso

ALL THAT IS SOLID MELTS INTO AIR

Major exibhition at MuHKA MM MECHELEN , belgium


EXTRA MUROS: ALL THAT IS SOLID MELTS INTO AIR

21 mar 2009 - 21 jun 2009

In 2006 Bart De Baere was asked to assist in setting out the outlines and concept of the cultural city festival City visions in Mechelen. Subsequently the five curators of the MuHKA (including Bart De Baere himself) were deployed to further work out the objectives of the festival and to mould it into a concrete project.

Location: Cultuursite Mechelen
Starting point: De Garage Onder den Toren 12, 2800 Mechelen


Click here for a larger version
Jimmie Durham, All That is Solid Melts Into Air, 2008

In the shadow of St. Rombold's cathedral, five of the museum's curators will be bringing together 100 artists. In five exhibitions – which complement one another both visually and in content – they offer us different ways of dealing with the world. Since the beginning of the modern period, art has formed an important new basis for man as he seeks values and standards, spirituality, a role of his own and a personal approach in an uncertain world. In the 60s Bruce Nauman said 'The true artist helps the World by revealing mystic truths.' The true artist helps society by asking the Big Questions over and over again, without shame or fear, and offering it many small answers.

The title All That Is Solid Melts into Air refers to a passage in the communist manifesto by Marx and Engels. These are visionary words, as communism itself has evaporated and capitalism has also lost its way. As the same time it questions the secular, in all manner of forms ranging from fundamentalism to New Age. The quotation has inspired the MuHKA to create an exhibition that explores what our future space might look like. What will happen when the mist clears? The new awareness of art established by modern art might be a place where one could think about this. In an exhibition where you encounter both art and God and which presents us with different visions of reality and the future.

Transformation is both literally and figuratively the magic word in All That Is Solid Melts into Air : the transformation of the material into the spiritual (and vice versa); the magical transformation of words into deeds and vice versa; the transformation of everything that is definite into something that evaporates and back again (from 'something' into 'nothing'); the transformation (enchantment, disenchantment, re-enchantment) of the public space into a world one can live in and which can accommodate both the sacred and the profane.

NOT NOTHING
The first part of the exhibition, which will be held in De Garage, is presented by the curator Edwin Carels. Not Nothing zooms in on the effect on our perceptions of an overmediatised society. What is virtual? What is a level-headed view? A study of the zero point of perception plays a central role here, resulting in a crystallisation of the transient: art which helps us to observe our inner space. The basis for Not Nothing is provided by the stereographic images created by the Belgian professor Joseph Plateau (1808-1883), whose ambition was to present moving pictures. The exhibition was created in close collaboration with the British duo of artists Al and Al. In a blue-key studio they create various virtual worlds with bizarre scenarios that evolve from the extremely minimal to digital baroque.

ARTISTS: Al and Al, Persijn Broersen & Margit Lukács, Annie Cattrell, Charles Darwin, Edith Dekyndt, Jacobus Johannes de Raedt, Anish Kapoor, Yves Klein, Lea Lagasse, Jürg Lehni & Alex Rich, Gordon Matta-Clark, Jonathan Monk, Joseph Plateau, Quay Brothers, Dominique Somers, Sherridan Stymest, Günther Uecker and Arnold Floris van Langren

MAN MADE
The second part is housed in the Oude Minderbroeders church, which has been transformed into an exhibition space. Here the curator Liliane Dewachter will present her exhibition Manipulable Man, based on the idea of man as the ultimate work of art. Through body art and performance art, in which the focus is on artists who use their body as a medium, it reflects on the parable of the manipulability of man. The Cuban artist Susanna Pilar Delhante Matienzo is usually physically present in her performances, many of which deal with discrimination and violence against women. On the other hand, the video and film work by the Belgian artist Frank Theys focuses on the fascination for technology and science and the effect this has on the world.

ARTISTS: Marina Abramovic, Vito Acconci, Ron Athey, Charles Atlas, Franko B, Philip Brophy, Chris Burden, Hans Danuser, Susana Pilar Delahante Matienzo, Danny Devos, Desiree Dolron, Kirsten Geisler, Rachel Goh, Micha Klein, Yves Klein, Ana Mendieta, Ingrid Mwangi, Erwin Olaf, Orlan, L.A. Raeven, Stelarc, Frank Theys and Inez Van Lamsweerde

THE WORK
The curator Bart De Baere unfolds his view of The Work in semi-public spaces: from the cathedral to the children's observatory in the Scheppers Institute, with at its centre the academy and the cloisters around the courtyard of the Cultural Site. In this social space, art is approached as something performative. This view of art focuses on neither the artist nor the product, yet at the same time does not avoid the important political and social issues. The American artist Joseph DeLappe examines politics, war, work, play, protest and the relationship between man and machine through various new uses of the media. For example, in Second Life he steers his Gandhi avatar with a special walking frame. Together with students at the academy in Mechelen he reconstructs his four-metre-high cardboard statue of Gandhi. The Vietnamese artist Dinh Q. Lê often uses a combination of real and imaginary memories of the Vietnam War as his theme.

ARTISTS: Marcel Broodthaers, Nina Canell & Robin Watkins, Thierry De Cordier, Raoul De Keyser, Joseph Delappe, Q. Lê Dinh & Ha Truc Phu Nam & Tuan Andrew Nguyen, Jimmie Durham, Isa Genzken, N.S. Harsha, Hiwa K., Valentine Kempynck, Suchan Kinoshita en Marcel Hiller, Vladimir Kokolia, Ivan Kožaric, Mangelos, Christophe Terlinden, Moniek Toebosch, Joëlle Tuerlinckx and Johannes Vogl

THE THING
The presentation by the curator Dieter Roelstraete is housed in the 'classical' exhibition spaces at the Cultural Centre in Mechelen. In this exhibition it is not so much the artist, artistry or artistic practice that plays a central role as the work of art as a thing: nothing more and certainly nothing less. Since the second half of the 80s, Jos de Gruyter and Harald Thys have cooperated on visual work, work on paper, videos and sound art. They will be creating a new work for this exhibition. The artist Goshka Macuga was nominated for the Turner Prize in 2008. Her life-size portrait of a levitating Madame Blavatsky questions the boundary between man as a lifeless object and the object as a living being that can be animated.

ARTISTS: Leonor Antunes, Eva Berendes, Constantin Brancusi, Andre Cadere, Martin Creed, Jos De Gruyter & Harald Thys, Thea Djordjadze, Francesco Gennari, Thomas Houseago, Gabriel Kuri, Camilla Low, Goshka Macuga, Mark Manders, Valérie Mannaerts, Judy Radul, Steven Shearer and Mark Soo & Elizabeth Zvonar

SEARCH FOR THE SPIRIT
Search for the Spirit exhibition compiled by Grant Watson is housed in the monumental theatre at the Scheppers Institute. Here the everyday magic of art, which enables us to constantly transform ourselves and the world around us, plays a central role. Based on the earlier works of General Idea and Image Bank, the exhibition fans out in a multiplicity of related materials most of which have been dug out of archives. Luis Jacob reinterprets Mark Rothko's well known paintings using an old-fashioned typewriter. Earlier this year the artist Yael Davids gave a series of workshops on conjuring and circus acts for the inmates of the prison in Mechelen, which we will be able to see here on video.

ARTISTS: Company Paintings, Yael Davids, Luca Frei, General Idea, Eileen Gray, Image Bank, Luis Jacob and Johanna Natalie Wintsch

www.stadsvisioenen.be

Long Live Romance

invite for newcastle

petizione per tenere laboratorio aperto 5 giorni alla settima

carrissimi , ho appena ricevuto il news da grace che la Rizzo ha detto di no all laboratorio aperto quando non c'e un proffessore,
ok , io dicco che dovete presentare una pettizzione alla directrice anna per chiedere il laboratorio aperto ma senza l'accesso i utensily pericolosi.

e se mi potete anche mandare il telefono della directrice anna e anche il suo indirizzo electronino.
grazie, franko

grazie mille..


cari vi volevo ringraziere per una bella settimana , per avere aiutato a dipingere il laboratorio, e per le tante energie che avete. come si dice in egland, see you soon, ciao

john cage


fabrizio
domani mattina lunedi 16 marzo alle ore9:30 appuntamento a scultura per l'incontro con franko.

Sono attraverso Cose... Sono Cosa (?)


... Il rifiuto da solido diventa inconsistente, impalpabile, parte di noi.

Il rifiuto è l’altro, qualcos’altro, quell’altro; ho avvicinato il rifiuto all’altezza dei miei occhi, ho provato ad ascoltarlo prima di chiamarlo “altro”.

Mi ha detto che non è come me, ma parte di me.

I rifiuti mi hanno detto che sono dei piccoli frammenti di me; rappresentano quello che ero, quello che sono e quello che sarò.

Spaventa sapere quello che siamo veramente, per questo lo gettiamo via, diciamo che è brutto, che puzza e che non ci serve più ...






... Noi, rifiutati, in attesa di nuove possibilità

I mezzi di comunicazione che a volte sostituiscono prepotentemente le nostre individualità sono immaginati in un futuro prossimo-eventuale-possibile.

I mezzi di comunicazione che, se vogliamo, col tempo, ci svuotano
riempiendoci.

I mezzi di comunicazione che fanno passare tanto tempo, più del dovuto.

I mezzi di comunicazione che devono, per forza.

I mezzi di comunicazione impiegati per dire altro.

I mezzi di comunicazione che con forza ci sbattono a terra e ci fanno mangiare i loro rifiuti, non quelli sani, sinceri, ma quelli nocivi,

quelli che d'altronde noi preferiamo tenere a scapito di quelli più preziosi- ma fastidiosi, che ci fanno dire chi siamo.

I mezzi di comunicazione a volte hanno un intento: farci buttare via ciò che non possiamo più ri-ciclare, re-cuperare, ri-avere.

A volte rimaniamo pieni di rifiuti che non ri-utilizziamo, che non consideriamo più come parte preziosa di noi. Pieni di rifiuti che non abbiamo tempo di considerare, perché costretti a riceverne sempre altri, altri ed altri ancora.


Noi, esseri senza vita, in attesa di nuove possibilità
Rifiuti, esseri senza vita, in attesa di nuove possibilità


I mezzi di comunicazione sono diventati in-comunicabili


Troppo tardi




















...




Jenny,un nome, mille mondi

sono diventata un muro di mattoni senza cemento..così in bilico tra l'essere e lo scomparire....
vicina all'autodistruzioneinquietanti pensieri mi urlano dentro,vorrei che tutto tacesse e mi lasciasse vivere la mia vita...non è una grande vita che vorrei fare,la mia,ma vorrei farlo senza presse alla testa..

un altro giorno se ne va e il sole tramonta, noncurante di quello passato..

Scende senza pietà senza rimorsi imperterrita,
scende sulla città la pioggia
scende facendo rumori liquidi
io l'ascolto e mi chiedo perchè scenda..
e adoro ascoltarla sbattere qua e la, scivolare
la pioggia bagna dove cade,
ma poi sparisce.
l'uomo è come la pioggia?

così contraddittoria ed esplicita mi ritrovo infine a scrivere di nuovo.
le dita battono sui tasti e io vado spedita come un treno così il rumore concitato dei tasti battuti copre la pioggia ma non riesco a fermarmi, scrivo ....

molti mi vedono come una donna forte ,molti hanno paura di me,molti altri ridono di me....

fin da piccola cambiai diverse case e città(cosa che mi è rimasta oggi) cambiai amicizie e tutto,
sono sempre stata una bambina "strana",ma calma,cadevo con la bici e mi sbucciavo di continuo le ginocchia,stavo sopra i nostri alberi di amarene a sognare e preparavo spettacoli anche da piccola,che tenevo durante i pomeriggi ,organizzavo "incontri" sotto al noce con cibo e amici poi siamo partiti da là dove ho lasciato un pezzo del mio cuore,dove vivevo con mia madre, perchè mio padre non c'era mai...
ci siamo trasferiti ,dopo aver cambiato 3 case, a san benedetto del tronto in provincia di ascoli, a casa dei miei nonni...l'uomo che ho come spunto è mio nonno,era un marinaio,da lui ho preso la passione per gli indiani d'america e i cowboy,la lettura,le notti sveglie,il misticismo e le mitologie degli antichi popoli...i suoi racconti sull'africa,sull'america....io ne ero incantata....(sono tutt'oggi appassionata di antiche civiltà.)
è stato l'uomo che mi ha amata di più in vita mia...lui partì definitivamente quando io avevo 12 anni....

..poi sono "cresciuta" ,ho iniziato a domandarmi una marea di cose,a sperimentare a sbattere il muso ovunque pur di averci provato,ma sempre con la forza di rialzarmi ancora più decisa di prima...li mi sono allontanata dalla mia famiglia perchè mi bloccavano totalmente e ho spinto per fare il liceo artistico a porto san giorgio....sono scappata 2 volte di casa,e tante altre cose...

dopo il mio primo amore ho passato alcuni anni di confusione depressiva,poi sembrava avessi trovato la tranquillità e l'affetto ,ma erano solo illusioni,mi ero imposta un comportamento,una vita che non era la mia...
così ho fatto di tutto per uscire da quella trappola dorata e mi sono ritrovata in balia della corrente che mi sembrava ancora più forte,confusioni indecisioni,scelte sbagliate,amori troppo intensi,malati e distruttivi...

ho iniziato ad esibirmi col gruppo in cui ero entrata da poco, the pussycats, in giro per l'italia,per locali rock,concerti,sembrava che avevo trovato il mio mondo,il mio modo di esprimere me stessa...
so che voglio usare il mio corpo come "opera d'arte in movimento",così iniziarono le malelingue da parte delle donne, chiamandomi troia,anche da parte di certi uomini,o al contrario l'avvicinamento di altri....

poi ancora un abbaglio dorato fortissimo,mesi di pace di amore..
poi rigettata a mare....


il mare,l'acqua un elemento che adoro quanto il fuoco...odio il mare d'estate,lo amo quando il vento freddo soffia e la spiaggia è nuda...mi siedo sugli scogli e penso e scrivo e bevo,passano ore e poi ritorno a casa...adoro stare immersa nella natura a contemplarla a porre domande e trovare risposte..

sembrava infine che avevo riacquistato la serenità,ma ho capito che la ruota gira sempre,così sono ricaduta sbagliando anche dopo la caduta.....
e ora la confusione mi ha accecata totalmente........
iniziai l'accademia frequentando la sezione di restauro che lasciai dopo un mese per iscrivermi a scultura.
ora non so più come esprimermi,disegno,tiro giù idee,e tutto mi sembra inutile,banale,oramai disegnato e passato....la scultura mi si semplifica in mente con pezzi di carta,colori bambole parrucche ma poi non riesco a mettere in pratica i miei disegni, i mostri che ho in testa..
tramite la scrittura riesco a far trasparire il mio mondo,anche tramite la fotografia,ma ho bisogno di essere sbloccata a livello plastico diciamo,mi sono chiusa come un riccio,sento spinte per creare oggetti "infantili" ,o freaks,una specie di mio mondo in cui mi chiudo dato che le prime persone che mi hanno fatta sentire diversa è la mia famiglia,poi amicizie,amori........in loro trovo una specie di rifugio.
ma di opere reali , oggi ne ho davvero poche,alcune le ho distrutte,o lasciate distruggere per odio dei miei lavori..
ovviamente, passando poco tempo in accademia ,reputandola causa del mio blocco emotivo e creativo , chiudendo la porta alle idee.
spero di poter trovare il modo di sbloccare il mondo che ho dentro..altrimenti credo che imploderò.........

scusate se inizio a parlare divento logorroica!

questi sono alcuni miei lavori, in ordine cronologico dal più vecchio al più recente.





love in time of pain

Ciao Franko, salve a tutti! Mi chiamo Giorgia e frequento il primo biennio nella sezione di scultura. Mi sono laureata da poco in Decorazione e quindi la mia formazione è prevalentemente pittorica. Ho avuto alcune piccole esperienze legate alla scultura ma per me questo è l'inizio di un nuovo ciclo artistico pur sempre legato al precedente lavoro pittorico. A questo punto del mio personale percorso sento il bisogno di trasformare le mie pitture in lavori tridimensionali.
Vi mostro due delle mie ultime opere e alcuni disegni che saranno i primi progetti che andrò realizzare.

A presto!!!!



portofoglio + biografia e cv

buongiorno ragazzi,
per la classe durante la settimana dell 16 al 20 marzo, per favore portate il vostro portofoglio +biografia e cv dell vostro lavoro,
grazie , ci vediamo alle 0re 10 lunedi mattina del 16 marzo nell nostro laboratorio. ,
salute , franko

tratto da "Genealogie della Morale" di F.Nietzsche




"Al tempo in cui l'Umanità non provava ancora vergogna per la propria crudeltà, la Vita sulla Terra si svolgeva con maggiore serenità che in questa nostra epoca di pessimisti.
La volta celeste è andata, via via, oscurandosi in proporzione alla vergogna degli uomini provata verso gli altri uomini.
Operare il male non è cosa nefanda?
E' non aver coraggio a non creare disgusto".

F.Nietzsche

nelle foto : -pensIERI- Claudio Simonetti